Bergamo, 23 gennaio 2021,

Nel pomeriggio di venerdì 22 gennaio, sulla base di anticipazioni informali relative all’attivazione della “zona arancione” in Lombardia, le Prefetture hanno avvisato le Agenzie dei Trasporti in merito all’avvio delle attività scolastiche in presenza da lunedì 25 gennaio 2021.

L’Agenzia per il Trasporto Pubblico Locale del Bacino di Bergamo ha pertanto disposto l’attivazione del servizio invernale scolastico potenziato come definito nel Tavolo di Coordinamento Prefettizio organizzato per effetto del DPCM 3.12.2020.

I lavori del Tavolo di Coordinamento hanno potuto consolidare in tempi rapidi un modello organizzatico condiviso, grazie alla collaborazione fra il Sistema Scolastico e le Aziende del TPL di Bergamo, già attivata da maggio a agosto per la ripresa delle scuole di settembre 2020.

L'Agenzia ringrazia l'Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, tutti i Dirigenti Scolastici e le Aziende del Trasporto Pubblico Locale per la fattiva collaborazione.

Il programma iniziale prevedeva l’avvio del servizio il 7 gennaio, ma i successivi DPCM, Ordinanze Regionali, sospensive del TAR hanno reso incerto l’avvio sino al pomeriggio di venerdì 22 gennaio: l’incertezza nella data di avvio e lo scarso preavviso potrebbero produrre disagi nel corretto avvio dei servizi di trasporto da lunedì 25, disagi che verranno monitorati e risolti appena possibile.

Si prega di segnalare i disagi tempestivamente alle Aziende di Trasporto, mettendo in copia anche l'Agenzia (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), indicando in modo preciso data, ora, linea, località e problema rilevato.

Il Tavolo di Coordinamento prefettizio ha stabilito (vedi il documento del 18.12.2020 e l'Addendum):

  • un modello organizzativo con il doppio ingresso negli Istituti Scolastici Superiori (ore 8 ed ore 10) ed uscite stabilite in base alle esigenze degli istituti (alle ore 13, 14 e 15);
    • al di fuori dagli orari concordati non c'è la garanzia che il servizio di trasporto possa essere adeguato a tutte le destinazioni;
  • flussi di ingresso e di uscita il più possibile equilibrati;
  • possibilità di adattare il modello organizzativo per casi particolari, previo accordo fra Istituti ed Agenzia, ove necessario a migliorare l’organizzazione del sistema dei trasporti e del sistema scolastico;
  • applicazione del modello organizzativo a tutti gli Istituti Superiori Statali, Paritari ed i Centri di Formazione Professionale con più di 300 iscritti;
  • una quota di didattica in presenza non superiore al 75%, valore poi ridotto al 50% dall’Ordinanza Ministero della Salute del 24.12.2020;
    • il servizio di trasporto resta comunque dimensionato sui flussi maggiori, nella prospettiva di un incremento della didattica in presenza sino al 75%;
  • il potenziamento dei servizi di trasporto facendo anche uso di autobus turistici (attivati secondo quanto stabilito dalla DGR 4141);
  • il carico sui mezzi vincolato al 50% della capacità massima (come da DPCM 3.12.2020);
    • ciascun mezzo di trasporto ha pertanto uno specifico limite di carico che considera sia i posti a sedere che i posti in piedi,
    • nella tabella seguente si riportano alcuni esempi indicativi.

capacità_bus_50%.png